Archivio

Archivio Aprile 2005

Mezz’ora….

26 Aprile 2005 5 commenti

Faremo, diremo, infine vincerò Ma dall’Udc solo gelidi sorrisi
di red.

Mezz’ora scarsa di discorso per esporre un programma fatto solo di promesse. In pratica ha ripetuto le solite cose, ribadendo promesse già contenute nel programma elettorale della Cdl: dalla riduzione delle tasse, al sostegno delle imprese. E naturalmente le riforme: la Costituzione la modificheremo e il referendum si farà nel 2006, dopo le elezioni politiche. Insomma, ci sono tutte le premesse per una fotocopia del governo appena caduto.

Riferimenti: http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO

Categorie:Senza categoria Tag:

Berlusconi si è dimesso.

20 Aprile 2005 6 commenti

Berlusconi si è dimesso. Domani le consultazioni. Ma la Lega frena sul ministero delle Riforme.

DIRETTA. Il presidente del Consiglio annuncia l’apertura formale della crisi e si dimette. Seguite le richieste di An e Udc: nuovo esecutivo e nuovo programma. I cardini del nuovo esecutivo: “Potere d’acquisto delle famiglie, aiuti alle imprese, sviluppo del sud”. Fini: “Ottimo discorso”. Follini: “Apprezzabile”. Ma la Lega non vuole cedere il ministero di Calderoli: “Impensabile un cambio”. Ciampi si prende due giorni per ascoltare partiti e istituzioni

Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/d/sezioni/politica/crisig

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Tutto falso, tutto finto.

19 Aprile 2005 1 commento

Berlusconi: «Non mi dimetto». An aspetta il premier in Aula
di red.

Berlusconi era salito al Quirinale per annunciare le sue dimissioni, ne è sceso ancora presidente del consiglio. Accordo fatto, aveva frettolosamente annunciato Fini al termine del vertice di maggioranza, il premier si dimette e poi governo bis. Tutto falso, tutto finto. Adesso l’Udc conferma le dimissioni dei suoi ministri e anche l’appoggio esterno al governo. An invece sceglie di aspettare il discorso di Berlusconi al Parlamento. L’Unione compatta: «Elezioni anticipate». Giovedì il voto sulla fiducia.
Riferimenti: http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Un commento diventato post

18 Aprile 2005 1 commento

Un commento diventato post

Ciao è stato bello passare da qui.
(http://umeme.blog.tiscali.it/fp1922873/)

Una descrizione molto serena della vita di tante persone che si sono trovate, nel periodo di qualche mese, nella disperazione più nera.
Qui da noi i centri assistenza sono sempre pieni, ogni giorno per andare al lavoro ci passo davanti e ti posso assicurare che le file sono composte da persone residenti. Queste famiglie una volta andavano alla conad ora vanno alla caritas.
Non ho parole per descriverti l’angoscia che traspare da questi visi.
Hai citato le parole di Papa Giovanni Paolo II e hai fatto bene perchè ci aiutano a meditare ma è anche vero che durante il suo pontificato l’AIDS ha provocato milioni di morti in africa ma non solo, una intera generazione di bambini cancellata dalla faccia della terra. Papa Giovanni Paolo II è stato un Papa molto intransigente, non so se questo è stato un bene per tutti quei bambini che sono morti perchè i loro genitori non hanno usato il profilattico, su indicazione della chiesa. La chiesa continua a chiedere l’astinenza sessuale ma tu sai, e lo sanno anche loro che questo è impossibile.
Un saluto affettuoso.

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Il Colle

12 Aprile 2005 4 commenti

Il presidente della Repubblica non accetterebbe un rimpasto di governo
dopo i numerosi cambi di ministri già fatti in questa legislatura
Dal Colle segnali a Berlusconi:
bisogna passare dal Parlamento
di CLAUDIO TITO

Carlo Azeglio Ciampi
e Silvio Berlusconi
ROMA – “Ti assicuro che non ci saranno altre nomine ministeriali”. Era il 2 dicembre scorso e al Quirinale avevano appena giurato il neovicepremier Marco Follini e il nuovo ministro Mario Baccini. E Silvio Berlusconi rispondeva così al presidente della Repubblica che gli sottolineava l’inopportunità di procedere in futuro con altre semplici sostituzioni. Soprattutto senza l’apertura ufficiale di una crisi.

http://www.repubblica.it/2005/d/sezioni/politica/regio2005q/retro/retro.html
Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/d/sezioni/politica/regio2

Categorie:Senza categoria Tag:

Senologia a Bari

5 Aprile 2005 6 commenti

LA QUESTIONE SANITÀ
Il sostituto procuratore Nicastro ha incaricato gli investigatori di tracciare la mappa delle apparecchiature.
Senologia, l´indagine tocca i fondi
Il pm ordina alla Finanza di verificare lo stato dei mammografi

Una serie di accertamenti per controllare la dotazione di macchinari specializzati non solo al Saris
MARA CHIARELLI

Una mappatura completa degli apparecchi per eseguire la visita senologica a Bari. Un controllo di tutti i mammografi per verificarne l´effettiva funzionalità e un´indagine per scoprire che fine abbiano fatto i fondi per otto milioni di euro, stanziati dal ministero per i progetti di prevenzione. Si muove a 360 gradi l´inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Lorenzo Nicastro sulle infinite liste di attesa al Centro di senologia del Policlinico di Bari.
Nei giorni scorsi il magistrato ha delegato una serie di accertamenti agli uomini del Nucleo regionale di polizia tributaria della Guardia di finanza. Li ha incaricati innanzitutto di controllare la dotazione di apparecchiature specializzate nei centri baresi: non solo quindi al Saris (il Centro guidato dal professor Vincenzo Lattanzio), ma in tutte le altre realtà cittadine. Gli investigatori dovranno anche accertarne il reale funzionamento, per essere poi in grado di stilare un totale preciso dei mammografi disponibili per l´utenza.
Il fascicolo era stato aperto dal procuratore capo Emilio Marzano, e affidato a Nicastro, a seguito di numerosi articoli di Repubblica e del settimanale Salute, che avevano denunciato interminabili liste di attesa al Saris. Lo scandalo delle visite senologiche, prenotate a gennaio 2005 e fissate per marzo 2007, si era arricchito anche di un esposto presentato dal marito di una paziente, già operata al seno e bisognosa di visite periodiche e puntuali. L´inchiesta, che per ora non ha persone indagate, punta in sostanza a capire cosa abbia determinato il collasso del sistema al Policlinico di Bari e se, eventualmente, una diversa gestione dei meccanismi di prenotazione e visita avrebbe potuto migliorare le cose.
L´istituzione del Cup (il Centro unico di prenotazione) e degli appuntamenti presi telefonicamente non avrebbero portato grossi risultati. Anzi, al contrario, avrebbero portato ad ulteriori ritardi. Insomma, le indagini serviranno a presentare al pm un quadro più chiaro di quello che negli ultimi anni è realmente avvenuto. Ma c´è di più. I finanzieri sono stati incaricati anche di ricostruire la direzione presa nel ´99 da quegli otto milioni di euro che il ministero della Sanità (ai tempi in cui era diretto da Rosy Bindi) aveva stanziato alla Regione Puglia perché elaborasse progetti di prevenzione.
Del corposo fascicolo, infatti, fa parte anche un´interrogazione parlamentare presentata dal senatore dell´Ulivo, il pugliese Antonio Gaglione, e che non ha ancora ottenuto risposta dal ministro della Salute Girolamo Sirchia. Il “progetto regionale diagnosi precoce del carcinoma mammario” sarebbe servito, nelle intenzioni, per acquistare i mammografi da destinare ad ogni azienda sanitaria locale, e per formare gli operatori sanitari. Il coordinamento era stato affidato al Saris, lo stesso Centro dove, nonostante l´acquisto di 16 mammografi, 19 sviluppatrici dedicate e 15 ecografi, l´attesa per eseguire una visita specialistica è ancora così tanto lunga.
L´inchiesta del pm Lorenzo Nicastro, allora, dovrà accertare se le donne baresi siano state (e siano tuttora) vittime di un disservizio o di una vera e propria interruzione di pubblico servizio, un reato per il quale dovrebbero essere individuati i presunti responsabili. Bisognerà fare luce su numerosi punti oscuri della sanità pubblica, dando adeguate risposte ad una cospicua fetta della cittadinanza barese che rivendica il proprio diritto alla salute.

– La Repubblica,
- 31 Marzo 2005

Riferimenti: http://www.repubblica.it/index.html

Categorie:Senza categoria Tag: ,

La preghiera del Papa

2 Aprile 2005 8 commenti


La preghiera voluta dal Papa è indicativa. Si apre, come tutte con l’invocazione: “O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto”. I riferimenti alla vita eterna e alla resurrezione sono continui, quasi che Giovanni Paolo II sentisse più vicine le parole di questa giornata. Ecco il testo.

O Dio, vieni a salvarmi.
Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre,
nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

O Spirito Paraclito, uno col Padre e il Figlio, discendi a noi benigno nell’intimo dei cuori. Voce e mente si accordino nel ritmo della lode, il tuo fuoco ci unisca in un’anima sola. O luce di sapienza rivelaci il mistero del Dio trino e unico, fonte di eterno Amore. Amen

Cristo è risorto dai morti, vive la vita immortale, alleluia.
Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/d/sezioni/esteri/papa5/pr

Categorie:Senza categoria Tag: ,

se vince….

1 Aprile 2005 12 commenti

Se vince la destra siamo tutti nella merda!!!!!
Addio a posti di lavoro, addio a pensioni, addio a tutto quello che ogni famiglia desidera per i propri figli……un futuro.

Categorie:Senza categoria Tag:

Se vince la destra siamo tutti nella m……..

1 Aprile 2005 2 commenti

Se vince la destra siamo tutti nella merda!!!!!
Addio a posti di lavoro, addio a pensioni, addio a tutto quello che ogni famiglia desidera per i propri figli……un futuro.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,