Archivio

Archivio Luglio 2005

Il Dalai Lama

27 Luglio 2005 1 commento


Il Dalai Lama a Rimini
29-30 luglio

Il 29 e 30 luglio prossimi, Sua Santità Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama del Tibet, premio Nobel per la Pace 1989, sarà in visita a Rimini e nell’alto Montefeltro su invito del Comune e della Provincia di Rimini, dei Comuni di San Leo e di Pennabilli.

Il Dalai Lama ha un rapporto particolare con il nostro territorio, infatti questa è la sua terza visita dopo quella nel 1991 e nel 1994.

Il Dalai Lama, cittadino onorario di Rimini dal 1994, è il leader politico e spirituale di oltre 6 milioni di tibetani e vive in esilio in India dal 1959 assieme a circa 150.000 profughi (http://www.italiatibet.org).

Il Dalai Lama

http://it.wikipedia.org/wiki/Dalai_Lama

Riferimenti: http://www.comune.rimini.it/

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Riforma approvata

26 Luglio 2005 1 commento


Giustizia, Ciampi ha firmato la legge.
Castelli: “Giudici e Csm collaborino” Dopo l’approvazione del Parlamento, il presidente della Repubblica ha promulgato il cambiamento dell’ordinamento giudiziario italiano. Il ministro Calderoli applaude il capo dello Stato: “Ha tirato dritto, bravo” IL TESTO

Giustizia, Ciampi ha detto sì: la riforma è legge
di red

foto: Carlo Azeglio Ciampi
Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/politica/rifogi

Categorie:Senza categoria Tag: ,

"per errore"

25 Luglio 2005 3 commenti


Brasiliano ucciso a Londra “per errore”: il ragazzo aveva il visto scaduto
di red.

La famiglia del giovane brasiliano, Jean Charles de Menezes, ucciso per errore da agenti speciali britannici lo scorso venerdì 22 luglio, sta pensando di avviare un?azione legale contro la polizia inglese per la morte del loro congiunto. Il ragazzo, un elettricista di 27 anni che stava andando al lavoro, è stato colpito alla testa da cinque colpi di pistola sparati a bruciapelo da agenti in borghese. Fuggiva perché aveva il visto scaduto. Gli agenti hanno mirato per uccidere. Dura reazione del governo brasiliano. Un cugino del giovane ucciso: i poliziotti londinesi sono dei mostri.

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=43828

Riferimenti: http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Tutti zitti perchè tutti interessati?

24 Luglio 2005 1 commento
Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Ciampi: «Riflettere sulla data delle elezioni»

23 Luglio 2005 Commenti chiusi


Ciampi: «Riflettere sulla data delle elezioni»«Riflettiamoci». Carlo Azeglio Ciampi usa parole concilianti ma il concetto che esprime è chiaro: «Tutte le forze politiche devono avere presenti alcune scadenze in vista delle prossime elezioni politiche del 2006».
Vai all’articolo

foto:
Berlusconi e Ciampi (Emblema)
Riferimenti: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2005/07_Lug

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Nuovi indizi contro la sclerosi multipla C’è una molecola che segnala………

23 Luglio 2005 3 commenti


Nuovi indizi contro la sclerosi multipla C’è una molecola che segnala la malattia Si…
Stampa, La
- 16 Luglio 2005

Trapianto del ginocchio
È la prima volta in Italia
Un paziente di 44 anni, affetto da grave artrosi al ginocchio sul quale erano stati compiuti diversi interventi con esito poco soddisfacente, è stato operato dal professor Sandro Giannini e dalla sua equipe dell’Istituto Rizzoli di Bologna con un intervento di trapianto totale di ginocchio da donatore. Si tratta del primo caso in Italia con una nuova tecnica applicata al ginocchio, la stessa utilizzata dal professor Giannini per i casi di trapianto di caviglia. Sono pochi gli organi ancora non trapiantabili ma la verità è che per molti di questi il trapianto da donatore rimane di scarsa rilevanza medica e ci sono più attese sul fronte delle cellule staminali da cui tra tanti anni si potrà sviluppare un organo completo. Per mano, caviglia, ginocchio ci sono troppo poche indicazioni terapeutiche al trapianto per lasciar supporre un futuro in cui questi interventi diverranno di routine. Nuovi indizi contro la sclerosi multipla
Cè una molecola che segnala la malattia
Sintetizzata una molecola che segnala la sclerosi multipla. È il risultato di uno studio di un gruppo di ricercatori dell’università di Firenze che è stato pubblicato sulla rivista scientifica statunitense «Proceedings». La molecola è il glicopeptide CSF114(Glc) e segnala la presenza di anticorpi coinvolti nel meccanismo che determina la sclerosi multipla. Lo studio prova come questi anticorpi, presenti nel sangue dei pazienti con sclerosi multipla, riconoscano specificamente la guaina mielinica del sistema nervoso centrale umano. Gli autori della ricerca sono Francesco Lolli, Paolo Rovero, Mario Chelli e Anna Maria Papini dell’ateneo fiorentino. La scoperta apre importanti prospettive all’impiego della molecola di sintesi ai fini della diagnosi e della prognosi della sclerosi multipla.

http://www.neurologia.it/sclerosi_multipla/sclerosi_multipla_info.html

http://www.lism.it/

http://www.aism.it/default.asp

http://www.aism.it/
Riferimenti: http://www.lastampa.it/redazione/default.asp

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Ben tornata Miriam

21 Luglio 2005 1 commento
Categorie:Senza categoria Tag: ,

la striscia rossa

19 Luglio 2005 6 commenti

la striscia rossa

«Su Telepadania, e solo lì, passano le immagini di decine di extracomunitari che in una piazza di una città italiana brindano e ballano per festeggiare lattentato di Londra». Roberto Castelli, Ansa 17 luglio. Per ammissione della tv leghista, si tratta di scene darchivio che risalgono a quattro anni fa. Ora che farà il ministro? Manderà unispezione?
Riferimenti: http://www.unita.it/index.asp?sezione_cod=HP

Categorie:Senza categoria Tag: ,

In Rete, i diari di un suicida

18 Luglio 2005 Commenti chiusi

Il primo messaggio risale allo scorso 18 aprile.
In Rete, i diari di un suicida.

Pubblichiamo alcuni messaggi dai blog di Ciro Eugenio Milani, il ragazzo che si è tolto la vita dopo aver programmato tutto sul web STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU’ LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

Ecco dei post estratti da www.primadipartire.weblogs.us , «Diario pubblico di un aspirante suicida» e da www.blog.weow.org, i blog di Ciro Eugenio Milani.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/07_Luglio/17/blog.shtml
Riferimenti: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/07_Lug

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Si avvicina l’era delle macchine molecolari

18 Luglio 2005 Commenti chiusi


Sole 24 Ore, Il
- 8 Luglio 2005

ricerca

Si avvicina l’era delle macchine molecolari
Costruito un motore con un’elica di 5 millesimi di millimetro

di Andrea Carobene

AllUniversità Johns Hopkins di Baltimora è stata costruita unelica lunga solo 5 millesimi di millimetro che è capace di compiere fino a 1800 giri per minuto, corrispondenti a 30 rotazioni al secondo. Questo risultato apre la strada a una nuova tecnica per costruire motori di dimensioni molecolari, o per studiare le proprietà dei liquidi su scala microscopica.
In altre parole, questo esperimento rende vicino quanto ipotizzato nel 1966 da Isaac Asimov che, nel suo racconto Viaggio allucinante, immaginava che un giorno un minuscolo sottomarino avrebbe navigato allinterno del corpo umano.
I quattro ricercatori americani, tra i quali Robert. C. Cammarata e Chia-Ling Chien, sono infatti riusciti a costruire un micromotore capace di spegnersi ed accendersi a comando, nonché di ruotare nella direzione voluta.
Gli studiosi si sono serviti di fili di oro, platino e nickel, con un diametro di 300 miliardesimi di metro e lunghi da 2 a 30 milionesimi di metro. Questi fili sono stati posti in acqua, e quindi messi in rotazione da un campo elettrico, generato tramite quattro elettrodi doro, di corrente alternata. I ricercatori hanno dimostrato sperimentalmente come, modificando il voltaggio, si potesse accelerare o diminuire la frequenza della rotazione delle eliche, nonché decidere il verso del movimento rotatorio, riuscendo così a fare andare avanti o tornare indietro il micro motore.
Il gruppo di Chien e Cammarata ha inoltre collegato queste eliche a una particella di polvere in sospensione, trasportandola dove si desiderava, e realizzando in questo modo una sorta di battello perfettamente comandabile dallesterno.
Questa stessa tecnica può essere applicata anche per mettere in rotazione dei nanotubi di carbonio, un materiale da tempo al centro dellinteresse di molti laboratori scientifici a causa delle sue eccezionali proprietà elettriche e di resistenza meccanica. I ricercatori sono così riusciti a mettere in rotazione allo stesso modo anche un nanotubo di carbonio a più strati con un dimetro di 50 miliardesimi di metro e lungo 5 milionesimi di metro.
Le applicazioni di questa ricerca, i cui risultati saranno pubblicati sulla rivista Physical Review Letters, sono molteplici, e riguardano in prima battuta il settore delle nanotecnologie. Già da tempo, infatti, diversi laboratori nel mondo stanno cercando di costruire dei motori di dimensioni molecolari manovrabili dallesterno. In particolare, sono note le ricerche di Carlo Montemagno, dellUniversità della California di Los Angeles, che ha realizzato unelica funzionante ad Atp, ossia che sfrutta la molecola che contiene la riserva energetica delle cellule.
Uno dei vantaggi del nuovo approccio dellUniversità Johns Hopkins è quello che, utilizzando un campo elettrico esterno, permette di controllare con maggiore facilità il moto degli oggetti. Questo significa che tali eliche potranno essere usate ad esempio per trasportare molecole, realizzare strutture con dimensione di qualche milionesimo di metro, o costruire dei dispositivi microelettromeccanici, i cosiddetti Mems, di precisione.
Inoltre, i ricercatori sottolineano che la loro tecnologia consente di misurare con precisione la resistenza alla rotazione di un liquido, una valutazione preziosa per calcolare le caratteristiche di un fluido e la sua capacità di scorrere allinterno di microcanali. Tali misure potrebbero facilitare la realizzazione dei cosiddetti laboratori su un chip, mini laboratori capaci di individuare ad esempio la presenza di sostanze chimiche pericolose nellambiente, come potrebbero essere lantrace o le spore del botulino.

5 luglio2005

http://www.ilsole24ore.com/
Riferimenti: http://www.ilsole24ore.com/

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,