Archivio

Archivio Ottobre 2005

"Silvio, vieni a fare il comico"

28 Ottobre 2005 1 commento


Ciclone Benigni a Rockpolitik
“Silvio, vieni a fare il comico”

CHE nessuno lo fermerà si capisce da subito, quando alle 22.20 entra nello studio di Rockpolitik a passo di marcia e dice a Celentano “sta’ fermo che mi fai perdere il ritmo, perché Celentano è lento, ma Benigni è rock”. Da quel momento davvero non si fermerà più, per oltre mezzora. Roberto Benigni è il ciclone che tutti aspettavano e il Molleggiato, gran mattatore fino a poco prima, praticamente sparisce.
Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/spettacoli_e_cu

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Licenza di uccidere per salvare i beni

27 Ottobre 2005 2 commenti


Legittima difesa, sì alla proposta di legge. Licenza di uccidere per salvare i beni.
Il testo, che modifica l’articolo 52, approvato dalla commissione
Giustizia della Camera. Dubbi nella Cdl. No del’Unione
Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/politica/legitt

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

un milione di euro per ogni collegio

26 Ottobre 2005 4 commenti
Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Roma, città aperta…………..

25 Ottobre 2005 Commenti chiusi


Università, migliaia in piazza. Tensione a Montecitorio.
Docenti e studenti manifestano in molte città. Cinquantamila a Roma. Paralizzato il centro, sit-in alla Camera. Deputati del centrosinistra fanno cordone per proteggere gli studenti.
Santanché (An) mostra il dito medio ai giovani di ANDREA DI NICOLA /

Un fiume contro la Moratti. An provoca, tensioni dentro e fuori Montecitorio
di va. pe.

Il decreto sulla docenza universitaria passa al voto alla Camera e in oltre cinquantamila a Roma tra universitari, studenti delle superiori e ricercatori protestano contro le riforme Moratti. Dalla Camera escono dei deputati di An, La Russa e Landolfi urlano ai manifestanti: «Buffoni», la Santaché mostra il dito medio, Selva. Gli studenti reagiscono. Qualche fumogeno e la protesta continua. L’opposizione: «Da An atteggiamento irresponsabile». In aula l’Unione chiede la sospensione e l’ascolto degli studenti. Il centrodestra risponde con grida e fischi. In serata alcuni agenti prendono a manganellate il corteo che torna alla Sapienza, tre contusi tra cui due giornalisti.
Riferimenti: http://www.repubblica.it/copertine/scuola_e_universita/

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

IL FILM * * * * *

24 Ottobre 2005 Commenti chiusi


2.10.2005
Speciale Dvd: L’Atalante, bellezza restituita
di Alberto Crespi

Regia: Jean Vigo
Interpreti: Jean Dasté, Dita Parlo, Michel Simon
Francia, 1934
Edizione speciale in 2 dischi
BIM

IL FILM
L’Atalante è, abbiate pazienza, il film della sigla di Fuori orario. L’immagine di Jean Dasté che si tuffa nel canale e vede sott’acqua l’amata, in abito da sposa, è vivissima nella memoria di tutti gli spettatori italiani grazie al programma di Raitre firmato da Enrico Ghezzi. (continua)
Riferimenti: http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO

Categorie:Senza categoria Tag:

Non ho detto nulla di nuovo

22 Ottobre 2005 8 commenti

A “Tv7″ intervista del procuratore nazionale antimafia
“La latitanza del boss coperta da intere fasce sociali”
Provenzano, Grasso accusa i politici
Bianco lo convoca al Copaco
Ma il magistrato si mostra stupito: “Non ho detto nulla di nuovo”

Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/cronaca/grassod

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Salva Previti

7 Ottobre 2005 3 commenti

Oltre a quello sul deputato forzista il taglio dei tempi di prescrizione
chiuderà d’ufficio molti altri casi. Per esempio quelli di Necci e Pacini Battaglia
Salva Previti, i processi azzerati
ecco dove la giustizia farà tilt

Tra le sentenze su cui calerà il sipario il crollo del palazzo di Roma
in cui morirono 27 persone, le truffe immobiliari, i morti sul lavoro
di CARLO BONINI

ROMA – Il dibattito sulla legge Cirielli, o “salva-Previti” che dir si voglia, viene raccontato come opinabile affare di numeri. E i numeri non hanno odore, voce, nome. Nei nostri tribunali, al contrario, quei segni statistici, oggi contesi tra Cassazione e ministro della giustizia sui processi destinati a non raggiungere un verdetto, quale che sia (di innocenza o colpevolezza), raccontano storie vive. Sono migliaia. continua

Il crollo del palazzo a Roma

APPALTI DELLA TAV
MORTI SUL LAVORO
TRUFFE IMMOBILIARI
PALAZZO CROLLATO
CASERMA RANIERO
MALASANITA’

Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/j/sezioni/politica/giusci

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Il libro nero…..

3 Ottobre 2005 9 commenti

IL COMMENTO
Il libro nero del Cavalieredi CURZIO MALTESE

NEL regolamento di conti in corso all’interno della maggioranza si aggiunge ogni giorno una nota più folle. Ora Berlusconi ha lanciato un’Opa per liquidare Follini e impadronirsi dell’Udc. Il metodo è al solito volgare e aggressivo. Nei giorni dello sciopero dei giornalisti, la stampa di famiglia ha organizzato un autentico pestaggio contro il segretario dei centristi, dipinto come un traditore e un venduto, isolato e anzi odiato dal suo stesso partito, prossimo alle dimissioni e non si capisce perché non anche al suicidio. continua

………………………….La risposta forse andrebbe affidata alla psicanalisi più che alla politica. Berlusconi sta distruggendo quanto aveva creato. Nell’impossibilità di annientare la sinistra, che anzi non ha mai avuto tanti consensi, il Cavaliere è passato con identica furia alla demolizione della destra. ……………………………….

……………………..Negli ultimi mesi il premier ha attaccato l’alleato centrista quasi ogni giorno, nelle occasioni più strampalate, che si trovasse a Palazzo Chigi come nella dacia di Putin, ad Arcore come a New York, nel mezzo di un vertice internazionale o nella tribuna di San Siro, davanti all’assemblea degli industriali, in conferenza stampa oppure a cena con Bossi. Senza tregua e senza una strategia.

Nell’immaginario berlusconiano Follini ha sostituito il comunismo, incarna l’essenza del male più di Stalin e infatti il Giornale sta pubblicando una specie di “libro nero dell’Udc” a puntate. La faccenda sarebbe divertente se non vi fossero questioni ben più serie e urgenti all’attenzione del presidente del Consiglio. Ma Berlusconi è fatto così, non distingue i propri interessi da quelli del Paese e i suoi avversari, o chi più modestamente gli sta sull’anima, dai nemici dell’umanità. ………………………………………continua

http://www.repubblica.it/2005/i/sezioni/politica/nuovacdl6/libronero/libronero.html

Riferimenti: http://www.repubblica.it/2005/i/sezioni/politica/nuovac

Categorie:Senza categoria Tag: ,