Archivio

Archivio Dicembre 2011

L’amnistia del Gattopardo di Marco Travaglio

18 Dicembre 2011 Commenti chiusi

L’amnistia
del Gattopardo
di Marco Travaglio
Per gettare lo sguardo oltre il naso delle
contingenze quotidiane e capire quanto sta
davvero accadendo dopo le dimissioni del
governo B. e la nascita del governo M., non c’è
libro più attuale di quello scritto da Giuseppe Tomasi
di Lampedusa negli anni 50: “Il Gattopardo”. Ogni
scusa è buona, anche la crisi finanziaria, per
scongiurare ogni vero cambiamento e azionare
meccanismi gattopardeschi che, fingendo di cambiare
tutto, lascino le cose come stavano. La manovra “s a l va
Italia” è esemplare: anche senza il Cavaliere, quelli che
andavano a cavallo continueranno ad andare a cavallo,
e quelli che andavano a piedi continueranno ad
andare a piedi. Per giunta, a piedi nudi. Succede
sempre così, in Italia, quando un regime tramonta: il
vero Potere cade in preda all’horror vacui, anzi all’h o r ro r
n ov i , e s’ingegna per riempire il vuoto con finte novità,
magari più presentabili, gradevoli, soprattutto
“sobr ie”, che intontiscano la gente illudendola che
qualcosa cambi, mentre nella sostanza tutto rimane
come prima. Finte rivoluzioni senza epurazioni,
all’insegna del continuismo e del trasformismo:
accadde alla fine del fascismo dopo la Liberazione e la
Costituente, accadde alla fine della Prima Repubblica
dopo Mani Pulite, accade ora alla fine dell’Era B.
L’horror novi del Potere è fondato su timori più che
comprensibili: siccome la cosiddetta Seconda
Repubblica ha saldato in un unico blocco, aggrumato
intorno a B. e ai suoi finti oppositori, gran parte del
potere finanziario, imprenditoriale, ecclesiastico,
massonico e criminal-mafioso, lo scioglimento di quel
blocco allenta i legami di omertà e convenienza che
inducevano i sodali al silenzio. Nei momenti di crisi, è
più facile che chi sa qualcosa parli, per prendere le
distanze dal passato e guadagnarsi un posto in prima
fila nel futuro. Fu così nel 1992-‘93, quando orde di
imprenditori corsero da Di Pietro a confessare le
tangenti e centinaia di mafiosi fecero altrettanto sulle
stragi e i rapporti con la politica. La stessa cosa,
prepariamoci, sta per accadere sulle Tangentopoli e
Mafiopoli dell’ultimo ventennio: nei prossimi mesi si
scoperchieranno cricche affaristiche e cosche
politico-mafiose da far impallidire quelle scoperte
finora. I politici lo sanno e tremano. Ecco perché si
torna a parlare di amnistia, con la scusa – si capisce –
di alleviare le condizioni di vita dei poveri carcerati.
Dei quali naturalmente non frega niente a nessuno,
altrimenti in questi anni non si sarebbe fatto di tutto
per moltiplicarli e si sarebbe fatto qualcosa per
migliorarne le condizioni di vita. I detenuti sono
un’“emer genza” da tenere sempre aperta, come
pretesto per giustificare i colpi di spugna che, appena
le cose si mettono male, salvi i colletti bianchi dalla
futura galera. Di Pietro e il senatore Idv Palomba fanno
notare l’amnistia preventiva e selettiva nascosta nella
norma “svuota-carcer i” della ministra Severino: quella
che consente ai condannati di scontare a domicilio le
pene complessive o residue sotto i 18 mesi, senza
passare dal carcere. Il provvedimento, curiosamente,
non esclude i reati dei colletti bianchi: corruzione,
evasione, falso in bilancio. Che già, diversamente da
quelli dei poveracci puniti, sono sanzionati con pene
massime molto basse (4-5 anni) e in concreto – f ra
uno sconto e un’attenuante – producono condanne a
2-3 anni, non di più. Con il bonus di 18 mesi, visto che
già si scontano ai servizi sociali (cioè fuori) le pene
fino ai 3 anni, tutti i futuri white collar condannati
avranno la certezza matematica di non fare nemmeno
un giorno di galera. Ora, siccome i colletti bianchi in
carcere sono statisticamente irrilevanti, non c’è
motivo perché siano compresi nella svuota-carceri.
Ergo, se la proposta Idv di escluderli sarà respinta,
dovremo dedurne che la legge non serve a mandar
fuori qualche migliaio di reclusi, ma a non mandar
dentro qualche centinaio di politici, imprenditori,
manager e banchieri. L’ennesima legge del
G a t t o p a rd o .

Categorie:Argomenti vari Tag:

Fiat, momenti di tensione davanti all’Unione industriale

5 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Gruppi di lavoratori si fronteggiano, tra scambi di insulti e lancio di uova, davanti alla palazzina dove si svolge l’incontro per estendere a tutto il gruppo il contratto di Pomigliano. Forte schieramento di polizia
di PAOLO GRISERI
Momenti di tensione di fronte alla sede dell’Unione industriale di Torino dove è in programma il nuovo incontro tra azienda e sindacati per estendere a tutto il gruppo Fiat il controverso contratto di Pomigliano. Una cinquantina di lavoratori con le bandiere dei sindacati del sì (FIM, uilm e Fismic) fronteggia altrettanti operai di Cobas e Usb. I due presidi sono divisi dalle transenne e da una zona franca di fronte all’entrata della palazzina di via Vela.
Arrivando all’incontro il leader del Fismic, Roberto di Maulo, ha detto che “è possibile arrivare alla stretta conclusiva entro domani”. Nei giorni scorsi FIM e uilm erano state più prudenti immaginando “una conclusione entro metà mese”. All’incontro di oggi partecipa anche la Fiom.
Poco prima delle 11 dal gruppo dei Cobas sono partiti insulti all’indirizzo dei lavoratori del sí. Alcuni operai del no hanno tentato di forzare le transenne. Ne è seguito un parapiglia, sono state lanciate uova, poi è intervenuta la polizia a far arretrare il gruppo dei Cobas. I due presidi contrapposti non sono mai entrati in contatto.
All’intero la trattativa è proseguita regolarmente. In apertura il capo delegazione della Fiat, Paolo Rebaudengo, ha chiesto ai sindacati la disponibilità a giungere a una firma. Entrando alla riunione anche il responsabile auto della Fim, Bruno Vitali, ha annunciato per “l’accordo potrebbe arriva domani o dopodomani”. Per la Fiom invece “se ci chiedono la pura e semplice estensione dell’accordo di Pomigliano, è chiaro che non c’è trattativa”. Lo sostiene Maurizio Landini secondo il quale Fim e Uilm dovrebbero spiegare come fanno ad accettare di cambiare gli accordi senza nemmeno un referendum tra i lavoratori”.

Fiat, momenti di tensione a Torino insulti e lanci di uova tra lavoratori Fiom non firma, è fuori dal tavolo della trattativa

(05 dicembre 2011) © Riproduzione riservata o-25951269/

Categorie:Argomenti vari Tag:

In un caveau nel cuore di Roma le mazzette della Prima Repubblica

5 Dicembre 2011 Commenti chiusi

La Finanza ha scoperto le tracce di un deposito da 60 milioni di dollari che l’ex prestanome di Massimo Ciancimino, il tributarista Gianni Lapis, cercava di cambiare in euro. L’agente sotto copertura che per giorni ha trattato con alcuni faccendieri: “Mi dissero che erano tangenti pagate fra il 1986 e il 1988″ di SALVO PALAZZOLO

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/12/05/news/in_un_caveau_nel_cuore_di_roma_le_mazzette_della_prima_repubblica-26105913/?ref=HREC1-6

Video importato

Tiscali Video http://video.repubblica.it/edizione/palermo/l-arresto-dell-avvocato-lapis-a-roma/82853/81243

Categorie:Argomenti vari Tag:

La pietosa intervista della Carfagna 1/2

4 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Ecco il nostro ministro delle pari opportunità in un’intervista alle Invasioni Barbariche. La Carfagna viene messa nell’ovatta durante tutta la trasmissione con domande vaghe e molto semplici, ma nonostante questo il giovane ministro riesce a collezionare una brutta figura dopo l’altra. Purtroppo dall’intervista emerge una parte considerevole della sua ignoranza.
La sua intenzione era quella di elogiare Berlusconi ed il suo Governo ma fallisce miseramente nel suo intento ottenendo addirittura l’effetto opposto.

Video importato

YouTube Video http://www.youtube.com/watch?feature=fvwp&NR=1&v=QgLxPThcfAo

Categorie:Argomenti vari Tag:

Slot machine: multa da 98 miliardi a rischio. – Ferruccio Sansa – Cadoinpiedi.it

4 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Sono 98 i miliardi di euro che la Procura della Corte dei Conti ha richiesto alle società concessionarie delle slot machine per irregolarità e danno ai Monopoli di Stato.
Oggi , una sentenza che annulla una penale di 7 milioni potrebbe diventare pretesto per cancellare una quella di 98 miliardi.
http://www.youtube.com/watch?v=5ZG3xgugWpU

Video importato
Download Video

Categorie:Argomenti vari Tag:

Servizio Pubblico, un successo che manda in tilt il sistema Auditel

3 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Il programma di Santoro si conferma il primo talk del giovedì e in assoluto la terza scelta dei telespettatori. Ma continuano i misteri sulla misurazione dei dati d’ascolto: se complessivamente è affidabile si fatica a conteggiare le singole tv di Carlo Tecce
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/03/servizio-pubblico-fa-saltare-il-sistema-auditel/174923/

Categorie:Argomenti vari Tag:

Manovra, le condizioni del Pdl a Monti su Ici e Patrimoniale

3 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Tassa sulle barche e i beni di lusso, super Ici per seconde e terze case, aumento delle aliquote Irpef di 2 (ma anche fino a 3) punti per gli scaglioni oggi al 41 e 43%, tagli a sanità e trasporti. Le probabili misure incluse nella manovra di Mario Monti agitano la politica (leggi l’articolo). Nell’incontro a Palazzo Chigi, durato oltre due ore, Alfano ha illustrato al premier le criticità delle misure anticrisi su cui il partito potrebbe esprimere contrarietà (articolo di Sara Nicoli). Prima del Pdl faccia a faccia del presidente del Consiglio con gli esponenti del Terzo Polo. Casini parla di “misure severe e dure”. Poi dice: “Ricercheremo l’equità”. Il segretario Pdl dopo l’incontro a Palazzo Chigi dice: “Equità per le famiglie”. Calderoli: “Se alza le tasse la Lega farà le barricate” (cronaca ora per ora).
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/03/manovra-condizioni-pdl-montino-alla-patrimoniale-allici/175025/

Categorie:Argomenti vari Tag:

GOVERNO Monti incontra i partiti. La manovra sarà di 25 miliardi

3 Dicembre 2011 Commenti chiusi

Domani tocca alle parti sociali. Il premier illustra le misure anticrisi in vista del Cdm (che potrebbe essere anticipato a domani sera). Possibile il rispristino delle detrazioni fiscali per le famiglie. Casini: “Misure pesanti”. Alfano: “Attenzione alla famiglia”. Calderoli: “Faremo le barricate in Parlamento”. La Cgil avverte: “Siamo pronti a sostenere le scelte giuste, ma altrettanto determinati a contrastare quelle che riterremo sbagliate”. Angeletti: “Spinta verso la recessione”
http://www.repubblica.it/politica/2011/12/03/news/monti_incontra_i_partiti-26009397/?ref=HREA-1

Categorie:Argomenti vari Tag: