Archivio

Archivio Febbraio 2017

Renzi: «Abbiamo fatto molto per il fotovoltaico». Italia Solare: «Non è così» 28/02/2017 di triskel182.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Fratoianni: scopre la Green economy, ma ha distrutto le rinnovabili e boicottato il referendum sulle trivelle.

In questi giorni, l’ex premier ed ex segretario PD Matteo Renzi è in giro per l’Italia e il mondo a vantare l’impegno del suo governo per la green economy e il fotovoltaico e, durante il suo viaggio in California ha asserito che «Durante i mille giorni abbiamo fatto molto per il fotovoltaico ma ne abbiamo parlato poco», ma il presidente di Italia Solare, Paolo Rocco Viscontini ha ribattuto che «Chi conosce e segue il settore sa bene che non è così»

Categorie:Argomenti vari Tag:

Liberi di nascere, liberi di morire (Concita De Gregorio) 28/02/2017

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Grazie alle mail di Sara, Carla Romano e Monica Montenegro

Un Paese dove non si può nascere e neppure morire ditemi voi che Paese è. Che ti toglie il lavoro se sei incinta, perché mettere al mondo un figlio non conta – per la legge di mercato è un costo – e che una volta nato ti costringe a restare anche quando implori che ti lascino andare. Che ti obbliga a espatriare per adottare o fare un figlio – se sei una persona sola, se hai un compagno del tuo sesso – per trovare lavoro, infine per morire. Ditemi voi se non “dobbiamo scappare dall’Italia incivile”, mi scrive Carla Romano, medico.

In morte di Dj Fabo, che per andarsene con dignità ha dovuto farlo oltre i confini della patria, ho ricevuto moltissime lettere: soprattutto di ragazzi. Sotto i trent’anni, quasi tutti. I ragazzi che spesso non vanno a votare, perché in questo sistema politico non trovano rappresentanza, ma che poi quando lo fanno – perché riconoscono una ragione per farlo, e lo fanno – ribaltano i pronostici sempre, colgono di sorpresa i sondaggisti e i leader. Converrebbe a tutti mettere un orecchio a terra. Starli a sentire di più, i giovani uomini e donne che non da oggi, davvero da molti anni lasciano l’Italia perché in Italia non potevano progettare un futuro. E’ del 2010 il documentario (anche un libro) di Claudia Cucchiarato “Vivo Altrove”, sette anni fa, e quasi altrettanti aveva lavorato a raccogliere storie e prepararlo. Sono quindici anni almeno che la politica si arena e si inabissa nelle questioni che toccano, nella carne, la vita di tutti: il dibattito sulla legge 40, la fecondazione, quello sulle unioni civili, sulle adozioni, sul fine vita. Ma certo, siamo il Paese che ha dentro il corpo il Vaticano e che non riesce a muovere un passo di governo senza il benestare della Curia, la chiesa essendo il partito di riferimento di tanti fra gli eletti, ad ogni latitudine politica. La laicità perduta dello Stato, perduta con insensatezza: perché i cattolici, fra la gente, sono oltre quel perimetro da molto tempo. Anni che hanno cambiato le coscienze di tutti. E’ del 2004 “Mare dentro”, forse uno dei più bei film sull’eutanasia, una storia vera. Eluana Englaro è stata liberata dalla sua prigione nel 2009, abbiamo ancora nelle orecchie gli strepiti della politica, negli occhi l’assedio alla clinica. Tre anni dopo, nel 2012 Marco Bellocchio ha dedicato a quella storia un film, “Bella addormentata”. Sono trascorsi altri cinque anni, ancora niente. Nessuno si azzarda, problemi di consenso: senza capire che è l’inerzia a estinguere il consenso. Poi mi scrivono Carla, licenziata mentre era incinta, e Sara, anche lei medico, che in gravidanza voleva fare il turno di notte per stare di giorno con l’altro figlio e ha dovuto appellarsi contro la norma che dice “non si può obbligare una donna in gravidanza ai turni di notte perché se è così allora non è neppure obbligatorio non farlo, quel turno, se una lo sceglie. O no?”. Il tema è sempre la scelta: non essere obbligati a, essere liberi di. La ragazza nella foto è Monica Montenegro, 28 anni, di Monopoli. Si è laureata alla Bocconi, ha mandato 7890 curricola: solo un’azienda le ha risposto, polacca. Ma lei non vuole andare in Polonia, o meglio: non vorrebbe. Preferirebbe l’Italia, se fosse un posto dove si può liberamente nascere, restare, morire. Un posto dove poter ridere ancora, ogni tanto, come nella foto.

Da invececoncita.blogautore.repubblica.it

Categorie:Argomenti vari Tag:

Dj Fabo, una legge sull’eutanasia non toglie a nessuno il diritto di vivere.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

di Tito Borsa

La morte di Fabiano Antoniani deve servire a qualcosa: l’opinione pubblica e la politica devono essere scosse dalla tragedia di un uomo che, divenuto cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale, ha deciso di mettere fine alle proprie sofferenze. Il dolore di Fabo e della sua famiglia è stato reso pubblico, crediamo, anche per questo. Non un dramma reso spettacolo, bensì un caso che vuole diventare un simbolo.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Sanità campana, gli assenteisti sono solo uno dei problemi. Ecco cosa riformare.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Mi sono convinto che per la Campania, anche dopo lo scandalo degli assenteisti all’Ospedale Loreto Mare di Napoli che ha portato 55 arresti e 94 indagati, bisognerebbe istituire un comitato regionale di salute pubblica. Una proposta lo confesso un po’ suggestionata dalla rivoluzione francese e che gioca con il doppio senso della parola “salute” e “ordine”. I presupposti su cui si fonda sono tre:
– i problemi della Campania sono soprattutto causati dalla Campania;

Categorie:Argomenti vari Tag:

Steve McQueen, una vita spericolata intorno alla passione per la velocità.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Per capire pienamente Vita spericolata di Vasco Rossi va guardato anche questo documentario, c’è poco da fare. “Una vita esagerata come quella di Steve McQueen”, “piena di guai”, “come le star”. E poi ognuno a rincorrerli quei guai. Il giovane Vasco, cresciuto con quell’icona attraversando gli anni Sessanta, Settanta e Ottanta, di fronte al King of Cool era come i fan di oggi ai suoi concerti. O almeno l’ammirazione per il suo idolo era la stessa che un paio di generazioni di ragazzi italiani hanno coltivato intorno al rocker di Zocca.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Oscar e Super Bowl, i messaggi anti-Trump sono solo marketing.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

La campagna di Donald Trump per le ultime elezioni americane ha rivoluzionato il mondo della comunicazione. Ma non solo della comunicazione politica. Lo stile comunicativo ha trasformato anche il marketing. Mi riferisco agli ultimi due grandi eventi americani, la notte degli Oscar e la finale del Super bowl (campionato di football americano), durante i quali alcuni brand, attori e registi hanno lanciato messaggi anti-Trump.

Categorie:Argomenti vari Tag:

Protestano i pescatori: bombe carta e petardi a Montecitorio. “Sanzioni sproporzionate, Martina ci riceva”.

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Manifestazione di ore davanti alla sede del Parlamento. La questura costretta a intimare di interrompere lo scoppio di razzi e piccoli ordigni per non sgomberare la piazza. Alla fine arriva un’intesa con i partiti della commissione Agricoltura, ma il sit-in proseguirà
di F. Q. | 28 febbraio 2017

Categorie:Argomenti vari Tag:

Testamento biologico, inutile e indecente per la politica nascondersi dietro alla Chiesa Testamento biologico, inutile e indecente per la politica nascondersi dietro alla Chiesa .

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi

Fabo è partito, lanciando una parola che brucia. “Vergogna” a quel Parlamento che si dimostra incapace di legiferare sul fine vita. Vergogna a deputati e senatori che non si assumono le loro responsabilità.

Categorie:Argomenti vari Tag:

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi
Categorie:Argomenti vari Tag:

28 Febbraio 2017 Commenti chiusi
Categorie:Argomenti vari Tag: