Archivio

Archivio autore

L’ultima follia del centrodestra: sta contro i piccoli commercianti e le famiglie-il blog delle stelle.

11 Dicembre 2017 Nessun commento

Il MoVimento 5 Stelle ha presentato una proposta di legge che punta a dare anche ai negozianti la possibilità di godersi un giorno di festa, senza che questo incida negativamente sui consumi e sull’economia. Bene i consumi, bene gli acquisti, bene l’economia che prospera grazie a questo, ma facciamo in modo che anche chi lavora in questo settore possa godersi la propria famiglia e i propri affetti.

di Luigi Di Maio

Il MoVimento 5 Stelle ha presentato una proposta di legge che punta a dare anche ai negozianti la possibilità di godersi un giorno di festa, senza che questo incida negativamente sui consumi e sull’economia. Bene i consumi, bene gli acquisti, bene l’economia che prospera grazie a questo, ma facciamo in modo che anche chi lavora in questo settore possa godersi la propria famiglia e i propri affetti.

È una proposta pensata per le famiglie, non di certo per penalizzare l’economia. Eppure Il Giornale, punto di riferimento di quel centro destra berlusconiano che almeno a parole dice di avere a cuore la famiglia, mi accusa di essere folle (http://www.ilgiornale.it/news/politica/lultima-follia-maio-negozi-chiusi-nei-festivi-1472760.html), come se volessi chiudere tutti i negozi in tutti i giorni di festa. La proposta invece, a prima firma Dell’Orco, è semplice e ricalca ciò che accade anche negli altri Paesi europei, dove non esiste che i negozi debbano rimanere sempre aperti: prevede sei giorni di chiusura degli esercizi commerciali nel lotto dei dodici festivi comandati.

È una misura che permette anche a chi ha un negozio e lavora nel commercio di poter passare le feste insieme alla propria famiglia, di godersi un Natale o una Pasqua insieme ai propri figli, senza che i consumi ne risentano. Non è un caso che anche la Conferenza episcopale italiana, davvero attenta alle esigenze della famiglia, sostenga questa nostra proposta. Il Giornale, punto di riferimento del centro destra berlusconiano, evidentemente non ha a cuore la famiglia, ma nemmeno i nostri commercianti, medi e piccoli, che a gran voce ci chiedono di abolire le sciagurate liberalizzazioni di Monti. L’assenza di chiusure obbligatorie per i negozi, infatti, è un favore solo alla grande distribuzione, ai mega centri commerciali che sono responsabili della scomparsa e del fallimento dei piccoli negozi che prima animavano le nostre città e i nostri borghi.

Preferiamo un negozio che abbassa la saracinesca per sempre perché è stato ammazzato dalla concorrenza selvaggia o un negozio che rimane in vita e chiude una domenica per permettere ai propri dipendenti di riposare e stare in famiglia? Io non ho dubbi sulla risposta, così come non ho dubbi sull’idea di Paese che vogliamo realizzare e credo che questo sia un tema sacrosanto su cui è giusto porre attenzione perché in ballo c’è la qualità della vita di centinaia di migliaia di persone. Per questo cominciamo con l’approvare la proposta Dell’Orco, che crea anche un fondo ad hoc per i piccoli negozianti, e poi lavoriamo per arrivare alla chiusura almeno di tutti e 12 i giorni di festa. Io sono certo che molti italiani ne sarebbero felici.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:i

Taglio vitalizi, sfuma anche l’ultima possibilità: emendamento inammissibile. M5s: “Renzi e Richetti bugiardi”-il fatto quotidiano.

11 Dicembre 2017 Nessun commento

Il tentativo di arrivare all’approvazione della legge Richetti presentandola come richiesta di modifica alla finanziaria è fallito. Montecitorio ha dichiarato non ricevibile la proposta e per il provvedimento non c’è praticamente più speranza di vederlo approvare. I 5 stelle: “Sono dei bugiardi”
di F. Q. | 11 dicembre 2017

Non c’è speranza che i parlamentari si taglino i vitalizi prima della fine della legislatura. Salvo miracoli dell’ultimo minuto, la Camera ha segnato la morte del provvedimento: è stato infatti dichiarato inammissibile l’emendamento alla manovra finanziaria in discussione a Montecitorio. Silenzio di tutto l’arco parlamentare, protestano i 5 stelle che annunciano faranno ricorso: “Renzi, Richetti e compagnia bella sono bugiardi“. Ma anche le proteste ormai, sembrano avere poche chance di riuscita. Il ddl Richetti sulla materia giace dimenticato al Senato e, nonostante i grandi proclami di Matteo Renzi degli ultimi mesi, non è nemmeno stato messo in calendario (non compare neppure dopo il praticamente defunto Ius soli). Per questo la proposta dei dem era stata quella di provare a farlo passare con un emendamento alla finanziaria. Ma non c’è neppure stato bisogno di passare per l’imbarazzante (per i parlamentari) momento del voto: è stato bloccato prima ancora di essere discusso “perché ritenuto di carattere ordinamentale”. E’ tutto finito? Non si può dire che sia finito finché finita non è la legislatura, ma ormai le speranze sono pochissime perché manca l’unico elemento necessario: la volontà politica. In settimana è prevista una capigruppo al Senato che dovrebbe decidere il prossimo calendario e ci potrebbero essere colpi di scena.

All’attacco i 5 stelle che sul taglio dei vitalizi hanno costruito intere campagne e che hanno accettato di ritirare la loro legge in cambio del sostegno a quella del Pd: “E’ inaccettabile”, ha dichiarato il deputato grillino Danilo Toninelli. “E’ inaccettabile dichiarare inammissibile la richiesta perché il cuore del provvedimento sono le finanze pubbliche e qui ne risparmieremmo ben 142 milioni. Soldi che sarebbero potuti servire per ricostruire scuole per i nostri figli o per politiche per la famiglia.
Una vergogna che raddoppia se pensiamo che Richetti del Pd ha presentato il nostro stesso emendamento sui vitalizi che poi lui stesso e il suo partito hanno bocciato.
Credetemi, è davvero la peggiore politica, falsa e ipocrita, che ci possa essere”. Quindi i colleghi alla Camera in una nota hanno aggiunto: “Il Pd e i vecchi partiti non vogliono rinunciare ai privilegi, come noi abbiamo sempre affermato, e continuano da mesi a prendere in giro i cittadini italiani. Sarebbero bastati tre giorni di lavori parlamentari al Senato per abolirli. Renzi, Richetti e compagnia bella sono dei bugiardi, perché il Pd vuole tenersi stretto il vitalizio, alla faccia della gente che fa diversi sacrifici per arrivare a fine mese. E’ questo l’esempio che la classe politica dà ai cittadini”.

C’è stato un tempo in cui forse, qualcuno, aveva creduto possibile che i parlamentari votassero per auto-ridursi lo stipendio. Forse è successo quando, quest’estate la Camera ha dato il via libera alla proposta di legge a firma del dem Matteo Richetti: con i voti di Pd, M5s, Lega, Fdi e civatiani, il provvedimento sembrava sulla rampa di lancio per avere finalmente il lasciapassare tanto atteso. Era il tempo in cui il segretario del Partito democratico si preparava alla lunghissima campagna elettorale e rivendicava di essere pronto ad appoggiare la battaglia dei 5 stelle in materia. Poi però le cose sono cambiate velocemente e quella che sembrava una delle priorità, è stata lentamente accantonata, capigruppo dopo capigruppo, fino ad essere ormai condannata a non vedere la luce.

In realtà che la sorte era segnata per il ddl era già stato chiaro nei giorni scorsi quando era stato reso pubblico il calendario degli ultimi lavori che saranno discussi al Senato. In quell’occasione il deputato Richetti si era rivolto direttamente al presidente di Palazzo Madama Pietro Grasso: “Il Senato non ha fatto nulla”, aveva dichiarato a “Ore nove”. “Per questo, faccio un appello a Grasso: faccia i parlamentari liberi e uguali agli altri cittadini. Assuma l’iniziativa di andare in Ufficio di presidenza e dare un segnale. Non si possono utilizzare le parole in modo così sconnesso con i fatti”. In quell’occasione Richetti aveva anche detto: “Considero anche questa strada ma so benissimo che al al 99,9% quell’emendamento alla legge di bilancio è inammissibile, come lo ha già dichiarato inammissibile il Senato. Io comunque farò la battaglia politica fino in fondo, con tutti gli strumenti, proposta di legge o emendamento in legge di Bilancio”.

di F. Q. | 11 dicembre 2017

Categorie:Argomenti vari Tag:

Mantenuti all’assalto-Libero 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

La riforma tradita: lo Stato adesso paga solo dopo tre mesi-La Stampa 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Grasso a Renzi “Comando io non D’Alema” Arriva Boldrini-la Repubblica 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Pagamenti Pos, sos negozi-La Nuova Sardegna Sassari 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Università e scuole chiuse-Il Tirreno Pisa 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Il Tirreno Pisa 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Sulle cartelle esattoriali vince il gioco d’anticipo-Il Sole 24 Ore 11 Dicembre 2017

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag:

Il Secolo XIX La Spezia 11 Dicembre 2017v avxhm.se

11 Dicembre 2017 Nessun commento
Categorie:Argomenti vari Tag: